Addio a Gianpaolo Talani


L'arte italiana ha perso in questi giorni un protagonista importante, Maestro degli affreschi e delle grandi sculture

"Il Marinaio", 2010 | San Vincenzo (LI)

Ecco il libeccio, che scompiglia i capelli. Ecco il sale che entra nel cuore, nello spirito e nel corpo tutto. Ecco la forza delle sue onde in tempesta ed il cullare leggero della sua calma. Lo sguardo del marinaio è lontano, verso altri lidi, altri porti, altri mari da scoprire. Egli cerca il pesce, il pesce bianco, nel mare, per la strada, ogni giorno: è la speranza che apre l’alba.

Giulia Bacci

È stato proprio un forte vento di libeccio ad accompagnare la cerimonia funebre che ieri ha riunito molte persone per dare l'ultimo saluto al grande artista. Nel 2004, con la mostra “Animali di Battigia”, tenutasi a Napoli al Castel dell’Ovo, Giampaolo Talani è stato consacrato tra i maestri della pittura italiana contemporanea. Era nato a San Vincenzo, in provincia di Livorno, cittadina per cui ha creato una scultura: "Il Marinaio", un bronzo di sette metri che domina il nuovo porto turistico, creata perché accogliesse i viaggiatori, salutasse le barche e il mare. L'Isola del Giglio ospita “L'uomo che salva il mare” la statua in bronzo di un uomo che avanza tra le onde con una rosa in mano, omaggio a chi soccorre e lavora quando succedono imprevisti che sconvolgono il mare e la vita di coloro che ne abitano le rive e, come diceva l'artista: “è stata pensata per ricordare il coraggio e labnegazione degli abitanti dell’Isola del Giglio durante il naufragio della Costa Concordia, è davanti al mare e con la sua presenza offre un messaggio di speranza”.

Particolare de "L'Uomo che salva il mare", 2015 | Isola del Giglio (GR)

Un'altra importante opera è “Rosa dei venti” collocata alla stazione ferroviaria di Santa Lucia a Venezia nel 2014, e molti cittadini e turisti saranno passati accanto alla sua statua

Abfahrt-Partenza realizzata nel 2015, posta davanti alla nuova stazione ferroviaria di Hauptbahnhof nella centralissima Washingtonplatz di Berlino. Sempre di Talani è l’affresco che accoglie i viaggiatori sul lato occidentale dell’atrio alla stazione fiorentina di Santa Maria Novel