• Laura Cavalieri Manasse

Cibo: a Verona lo street artist che combatte il degrado urbano con i suoi murales


I muri cittadini ricoperti da croci celtiche, svastiche e pessimi slogan politici si sono trasformati in immagini di pane e formaggio, fette d'anguria, pizze, hot dog, insalate...

Può capitare, percorrendo le strade di Verona, o quelle delle campagne che circondano la città veneta, di vedere grandi murales colorati che rappresentano frutta, verdura, salumi, formaggi, pizze e altri cibi ancora. L'artista che li ha realizzati è Cibo, alias di Pier Paolo Spinazzè, street artist veronese che dall'inizio degli anni '90 ha fatto della sua arte non solo un lavoro, soprattutto un impegno sociale. ILPIER, altro pseudonimo, ha cominciato coprendo una scritta orribile con i suoi soggetti preferiti: pomodori, basilico e mozzarella; da quella volta non si è più fermato. Il degrado dei muri cittadini, troppo spesso ricoperti da croci celtiche, svastiche o pessimi slogan politici, si sono trasformati in fragole, fette d'anguria, cupcakes e altri alimenti.

Il suo progetto di “cancellazione” e ripristino del decoro urbano della sua città è stato apprezzato da molti cittadini, così come gli interventi grafici che ha fatto nelle scuole materne e nei parchi gioco cittadini e questo impegno sociale gli ha permesso di affermarsi come artista walldesign dalla grande forza etica e comunicativa, impegnato nel condividere i suoi disegni, che usa come stimolo per far riflettere le persone che li guardano. Lui, parlando di sé, dice: «per me la street-art non è mai decorazione, ma è una scintilla che può innescare domande e raccontare storie. Inoltre trovo molto importante il legame con il luogo, che rende l’immagine e il messaggio efficaci solo nel contesto specifico in cui prendono forma.»

ILPIER ha lasciato, da poco, un importante e sorprendente segno dietro di se: un murales, di 120 m. di lunghezza x 9 m. di altezza che ha coperto i muri della Apo Scaligera, la maggiore realtà ortofrutticola del territorio veronese, leader nella produzione di orto-frutta fresca. Questo immenso murale stabilirà certamente il record di più grande del Veneto e di uno fra i più grandi d'Italia. Mesi di lavoro per dipingere sulla fiancata della cooperativa l'intera filiera produttiva agricola della campagna veronese, in cui Pier Paolo è nato e cresciuto, dove si è formato prima come contadino e allevatore, seguendo le orme della sua famiglia, poi come artista impegnato in un inedito impegno sociale sotto l'egida del food, come quando ha dipinto sul muro di una casa abbandonata un pezzo di grana grattugiato che libera cuori.

«Il grana è lo specchio di un rito genuinamente quotidiano, come l’amore» ha detto Cibo a un giornalista che gli chiedeva una spiegazione per l'opera fatta in occasione di San Valentino, spiegata sul muro con un messaggio d’amore: “Sei il mio grana”, e ha proseguito: «nell’opera il grana è inteso come migliorativo di molti piatti, lo specchio di un rito genuinamente quotidiano come l’amore. Aggiungere il grana è un gesto che diamo per scontato, ma che va rinnovato di giorno in giorno senza cercare di essere sofisticati, perché alla fine siamo persone semplici e la semplicità funziona sempre».

Chi è | Laura Cavalieri Manasse

Segue la redazione del semestrale ArtApp e della sua piattaforma online, senza rinunciare a scrivere degli articoli sugli argomenti che l'appassionano, come la fotografia o il teatro. Collabora come editor per alcune case editrici e con tutti coloro che le chiedono un consiglio che li aiuti a scrivere in modo corretto e interessante.

#LauraCavalieriManasse #PierPaoloSpinazzè #streetartist #Murales #Cibostreetartist #Verona

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle