• Stefano Semeria

Guardare un libro: Se la Strada Potesse Parlare


Dopo il successo di Moonlight, tre Oscar nel 2017, Barry Jenkins scrive e dirige l’adattamento da James Baldwin, If Beale Street Could Talk. La via situata a New Orleans, “dove – scrive Baldwin – sono nati mio padre, Louis Armstrong e il jazz”

Manifesto del film

Beale Street è una strada di New Orleans, dove mio padre, Louis Armstrong e il jazz sono nati.

Ogni persona nera nata in America è nata a Beale Street, nata nel quartiere nero di una qualche città americana, che sia Jackson, Mississippi o Harlem, New York. Beale Street è la nostra eredità. Questo romanzo parla della impossibilità e della possibilità, dell’assoluta necessità di dare espressione a questa eredità. Beale Street è una strada rumorosa. Sta al lettore trovare il significato nel frastuono dei tamburi.” Così inizia "Se La Strada Potesse Parlare", con le parole di James Baldwin, autore del libro da cui il film è tratto, per comprendere la bellezza di questo film bisogna partire proprio da lui.

Una scena del film

James Arthur Baldwin è stato uno degli autori più importanti della letteratura americana del ‘900, la sua produzione esplora differenti aspetti della società del suo tempo, scrivendo di distinzioni di classe, razza e genere. Baldwin ha rappresentato per più di una generazione un narratore nel quale riconoscersi. Barry Jenkins, che già aveva descritto con splendida delicatezza una grande storia di difficoltà sociale ed emotiva in Moonlight, trasforma il romanzo "If Beale Street Could Talk" in un’opera elegante e struggente. Assistiamo all’amore tra Tish e Fonny nella New York degli anni ’70. I ragazzi cercano una casa dove poter costruire una famiglia e quando finalmente le cose sembrano iniziare a funzionare, Fonny viene ingiustamente accusato di un crimine e arrestato. Da qui inizia una storia di ingiustizia inspiegabile e ingiustificabile, dove nemmeno l’evidenza può essere prova sufficiente.

Gli attori protagonisti: Kiki Laine e Stephan James

Guardiamo un film non convenzionale sotto molti aspetti, la sua lentezza è equiparabile all’attesa dello sfogliare le pagine di un libro, non abbiamo mai la certezza della successione degli eventi, proprio perché la storia è narrata in capitoli separati, con continui salti avanti e indietro nel tempo. Jenkins crea una New York fotografata splendidamente dal fidato James Laxton, le parole di Tish ci accompagnano come narratrice fuori campo in lunghe riflessioni mentre osserviamo la storia, le ambientazioni e la colonna sonora (candidata all’Oscar) di Nicholas Brittel incorniciano questa narrazione proprio come la copertina di un libro. I personaggi si muovono quasi sottovoce, con una dignità e una bellezza non comuni, Regina King, premiata con l’Oscar per questa interpretazione, su tutti.

Regina King

Con "Se La Strada Potesse Parlare" siamo di fronte a una reale e completa trasposizione filmica di un libro: ne sentiamo le pagine, le pause, la bellezza della copertina e la profondità delle parole. I primissimi piani contrapposti a larghe inquadrature simmetriche ci riportano ad un eleganza di altri tempi e omaggiano i grandi registi coevi all’ambientazione del film. L’abilità registica di Jenkins sta nel proporci una storia intensa, che ha tutte le caratteristiche del melodramma, ma ne è completamente distante. Esattamente come nel pluripremiato Moonlight, non abbiamo tempo per le lacrime, appena raggiungiamo il climax, la storia procede, la vita va avanti inesorabilmente. Perché il vero vincitore in questo film è l’amore in ogni sua forma, l’amore che resta anche quando ti viene portato via tutto, nel frastuono dei tamburi.

Chi è | Stefano Semeria

Classe 1979, nato a Sanremo, ma cresciuto nella provincia di Arezzo, è un appassionato di cinema e della ricerca della bellezza in tutte le sue forme. Blogger e contributor per alcune riviste online, è un libero professionista che si occupa di branding e di analisi di ricerca per privati e aziende

#StefanoSemeria #JamesBaldwin #BarryJenkins #JamesLaxton #NicholasBrittel #PremioOscar2019

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle