Kapaemahu

Il primo cortometraggio animato hawaiano inserito nella lista ufficiale degli Oscar, una svolta hawaiana e transgender



Molto tempo fa, quattro straordinari individui di doppio spirito maschile e femminile portarono le arti curative da Tahiti alle Hawaii. Il nome del loro capo era Kapaemahu. Amati dalla gente per i loro modi gentili e le cure miracolose, hanno impregnato quattro massi giganti con i loro poteri. Le pietre sono ancora in piedi su quella che ora è la spiaggia di Waikiki, ma la vera storia dietro di loro è stata nascosta - fino ad ora.


"Kapaemahu", cortometraggio 2D di otto minuti, racconta la storia dimenticata da tempo delle quattro pietre sulla spiaggia di Waikiki poste come tributo a quattro leggendari Māhū (termine hawaiano per coloro che incarnano sia kāne (maschio) che wahine (femmina) nella mente e nello spirito), che portarono le arti curative da Tahiti alle Hawaii nel XV secolo. Diretto da Hinaleimoana Wong-Kalu, insegnante e māhū hawaiano, insieme a Dean Hamer e Joe Wilson ("Kumu Hina", il premiato documentario 2014 su Wong-Kalu), non potrebbe arrivare sugli schermi così tempestivo, con questo tributo agli indigeni transgender, sostenuto da una squisita estetica disegnata a mano dal regista dell'animazione Daniel Sousa . La storia dimostra i poteri curativi dei Kapaemahu, la soppressione e la sepoltura dei loro monumenti, il loro recupero alla fine del XX secolo e il rinnovato interesse per la loro eredità oggi. “ Kapaemahu” entra nella storia del cinema come il primo cortometraggio animato dei nativi hawaiani ad essere nominato per l'Oscar. Ma è anche un'importante svolta transgender.



«Sono Kanaka, una persona nativa discendente dagli abitanti originari delle isole Hawaii – spiega Hinaleimoana Wong-Kalu - la nostra sopravvivenza come popolazioni indigene dipende dalla nostra capacità di conoscere e mettere in pratica le nostre tradizioni culturali, di parlare e comprendere la nostra lingua e di sentire un legame autentico con la nostra storia. Questo è il motivo per cui ho voluto fare un film su Kapaemahu, e scriverlo e narrarlo in Olelo Niihau, l'unica forma di hawaiano che si è parlato continuamente da prima dell'arrivo degli stranieri. Non è sufficiente studiare la nostra lingua in una classe americana, né leggere la nostra storia in un libro di testo in lingua inglese. Dobbiamo essere partecipanti attivi nel raccontare le nostre storie a modo nostro. Sono anche māhū, che come molte identità indigene di terzo genere una volta era rispettata, ma ora è più spesso un bersaglio di odio e discriminazione. Voglio che i nostri giovani capiscano che la capacità di abbracciare sia gli aspetti maschili che femminili del loro spirito non è una debolezza ma un punto di forza, un motivo per gioire per non avere paura. Che si tratti di proteggere Mauna Kea o Kapaemahu, crederò sempre in ciò che lo storico SM Kamakau articolò nel 1865: He makemake ko'u e pololei ka moolelo o ko'u one hanau, aole na ka malihimi e ao ia'u I ka moolelo o ko'u lahui, na'u e ao aku I ka moolelo I ka malihini. “Voglio che la storia della mia patria sia corretta. Lo straniero non mi insegnerà la storia del mio popolo, io insegnerò allo straniero».

Il corto è disponibile su The Criterion Channel e anche gratuitamente su Vimeo.

ArtApp 23 | L'Identità
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

ArtApp © 2009-2021 Edizioni Archos. Tutti i diritti riservati. P.IVA 02046250169 | Anno XII | Reg. n.03/2009 Tribunale di Bergamo

Rivista indipendente accreditata presso il MIUR-CINECA codice E201912 ARTAPP (print) - ISSN: 2037-1233 | R.O.C. 018701/2009

faviconWhite-08.png