• Redazione ArtApp

Lo Sguardo di Leonardo


Nella Piombino del Cinquecento e nelle visioni di Vittorio Giorgini

Piombino in una mappa del Settecento, particolare

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Piombino e l’Associazione B.A.CO. Baratti Architettura e arte Contemporanea | Archivio Vittorio Giorgini presentano dal 13 aprile al 12 maggio 2019, nella sede di Sant'Antimo sopra i Canali a Piombino (ex Ospedale vecchio), la mostra Lo sguardo di Leonardo. Nella Piombino del Cinquecento e nelle visioni di Vittorio Giorgini, a cura di C. Guerrieri, M. Del Francia, R. Scateni, F. Caciagli e in collaborazione con lo storico M. Carrara e la preziosa consulenza scientifica di A. Vezzosi, direttore del Museo Ideale Leonardo da Vinci.

Piombino, 1502. Cesare Borgia è Signore di Piombino, dopo aver conquistato la città con le sue truppe, approfittando dell’assenza del sovrano legittimo Iacopo IV degli Appiani. Alla sua corte giunge un ospite d’eccezione, per studiare nuove soluzioni di ingegneria militare. Il maestro annota in uno dei suoi inestimabili codici - oggi noto come Manoscritto L di Francia (1497-1504) - studi e osservazioni sul litorale tra Populonia e Follonica e su Piombino, un porto strategico proteso sul mare, con un retroterra di paludi da bonificare. Nel 1504 Leonardo da Vinci è nuovamente a Piombino, chiamato da Jacopo IV Appiani per potenziare il sistema difensivo della città. Leonardo studiò progetti di fortificazione straordinari per estetica e architettura, dando origine a un trattato di architettura tra i più importanti del Cinquecento. Genio assoluto e senza confini disciplinari, Leonardo non limitò i suoi scritti alle motivazioni strategiche e ai calcoli per realizzare le architetture militari: il suo interesse si estese sull’intera città di Piombino e sul suo mare. Durante il suo soggiorno, studiò le onde, le barche a vela, i venti e la navigazione. Scrisse annotazioni sul tema della pittura, altre furono a carattere poetico e al contempo scientifico. Osservò le facoltà percettive degli animali.

Piombino (LI)

L’esposizione, incentrata sui documenti provenienti principalmente dal Codice di Madrid II (una cui riproduzione è conservata alla Biblioteca Civica Falesiana) e dal Manoscritto L di Francia, ruota intorno allo sguardo di Leonardo, posato sui luoghi simbolo di Piombino - come le mura, il Castello, il Porticciolo di Marina, il Rivellino e la Cittadella - e sul Promontorio di Populonia, scenario naturale che secoli più tardi sarà il luogo di sperimentazione di Vittorio Giorgini. Il genio del Rinascimento sarà una inesauribile fonte di ispirazione per l’architetto toscano, che nel corso delle sue ricerche guardò alla Natura e allo studio dei sistemi viventi per elaborare progetti di avanguardia. Disegni, studi e modelli, conservati nell’Archivio Giorgini e esposti in mostra, illustreranno l’influenza di Leonardo su un intellettuale del nostro tempo, mettendone in luce il talento precursore e la modernità di pensiero.

Molte le attività collaterali previste, a cominciare domenica 14 aprile dal Convegno di studi Leonardo 500 - l’acqua, la natura e il mare, dedicato al rapporto tra Leonardo e i temi dell’educazione ambientale e dello sviluppo sostenibile, organizzato dal Centro Culturale Ambientale della Lega Navale Italiana per sensibilizzare il pubblico sugli argomenti legati alla natura e al mare trattati da Leonardo come artista, scienziato, inventore, architetto e naturalista, stimolando riflessioni capaci di tradursi in comportamenti più consapevoli e responsabili.

Occasioni straordinarie per i visitatori saranno gli incontri con Antonio Natali, storico dell’arte già Direttore delle Gallerie degli Uffizi, con Massimiano Bucchi, sociologo e volto di SuperQuark e con Alessandro Vezzosi, critico d’arte e direttore del Museo Ideale Leonardo da Vinci. In programma inoltre una passeggiata per Piombino con lo storico Mauro Carrara alla scoperta dei luoghi di Leonardo, le letture per bambini con laboratorio di Nati per Leggere Piombino e la speciale visita a Casa Esagono sulle tracce di Leonardo. Evento imperdibile della mostra è la proiezione al Cinema Teatro Metropolitan dell’atteso docu-film Leonardo 500, la pellicola diretta dal regista Francesco Invernizzi che fa luce sull'attuale sviluppo delle geniali intuizioni di Leonardo da Vinci.

Apertura mostra: 13 aprile - 12 maggio 2019

Orari: da martedì a domenica dalle 16.30 alle 19.30. Aperto Pasquetta, 25 aprile e 1 maggio. Chiuso a Pasqua.

Ingresso libero

Eventi

Domenica 14 Aprile - ore 17.30

Leonardo 500 - l’acqua, la natura e il mare

Convegno di Studi a cura della Lega Navale Italiana e del Centro Culturale Ambientale.

Intervengono: Luigi Valerio, Piero Vatteroni e Guido Simoni, Adriano Madonna, Giancarlo Sapio. Modera Gianluca Cecchi, presidente LNI Piombino

Giovedì 24 Aprile - ore 17.30

Sbagliare da professionisti. Storie di errori e fallimenti memorabili

Incontro con Massimiano Bucchi, sociologo, autore e volto di SuperQuark

Sede mostra

Sabato 27 Aprile - ore 17.30

Leonardo. Trame segrete

Incontro con Antonio Natali, storico dell’arte, direttore della Galleria degli Uffizi dal 2006 al 2015.

Sede mostra

Venerdì 3 Maggio - ore 16.30- 19.00

Leggere Leonardo. Letture e laboratorio per bambini a cura dei lettori volontari di Nati per Leggere Piombino. Sede mostra

Sabato 4 Maggio - ore 15.00

A spasso con Leonardo

Passeggiata per Piombino con lo storico Mauro Carrara alla scoperta dei luoghi

leonardiani.

Ritrovo alla sede mostra, arrivo al Castello di Piombino alle ore 17.30.

Lunedì 6 maggio - Cinema Teatro Metropolitan

ore 21.00

Martedì 7 maggio - Cinema Teatro Metropolitan

ore 16.00, 18.00 e 20.00

Leonardo 500

Docu-film di Francesco Invernizzi (durata 91 minuti)

Ingresso: 5,50 euro

Piazza Cappelletti, 2 - Piombino

Venerdì 10 maggio - Baratti

ore 15.30

Sulle tracce di Leonardo Visita guidata a Casa Esagono

a cura dell'Associazione B.A.Co. Archivio Vittorio Giorgini

Ritrovo a Baratti, davanti al Ristorante Demos.

Domenica 12 Maggio - ore 17.30

Mito e avanguardia, utopia e realtà, a Piombino

Incontro con Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale Leonardo da Vinci

Sede Mostra

I

#RedazioneArtApp #BACOBarattiArchitetturaearteContemporanea #VittorioGiorgini #MuseoIdealeLeonardodaVinci #PiombinoLI #LeonardodaVinci #MarcoDelFrancia #AlessandroVezzosi #AntonioNatali #MassimianoBucchi #CristinaGuerrieri #RobertoScateni #FabioCaciagli #Leonardo500

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle