top of page

NAPOLI)A(BERGAMO. Un ponte d'arte tra due città

All’Accademia Carrara di Bergamo uno straordinario percorso alla scoperta del legame artistico tra due città così distanti ma sorprendentemente vicine


"Napoli a Bergamo" - Accademia Carrara. Foto © Cristian Carrara


La storia dell'arte italiana è un intricato tessuto di connessioni, scoperte e incontri che attraversano i confini geografici, spaziando tra regioni, città e persino nazioni. Questi legami intrecciati come fili invisibili collegano le diverse tradizioni artistiche, influenzandosi reciprocamente e dando vita a un panorama culturale straordinariamente ricco e variegato, è questo il caso della nuova mostra NAPOLI a BERGAMO nelle sale dell’Accademia Carrara dal 23 aprile al 1 settembre 2024. Un evento che promette di portare alla luce un capitolo poco noto ma estremamente significativo della storia dell'arte italiana.

 

L'esposizione, curata da Elena Fumagalli insieme a Nadia Bastogi, mette in mostra la pittura napoletana del Seicento, esplorando il legame insospettabile tra Napoli e il capoluogo orobico attraverso il lavoro di 15 artisti e oltre 40 opere, molte delle quali mai esposte prima. Un’inedita raccolta, proveniente principalmente dalla Fondazione Giuseppe e Margaret De Vito, è arricchita da tele prese in prestito da chiese e istituzioni del territorio bergamasco. Ma cosa accomuna Napoli e Bergamo, due realtà apparentemente distanti e diverse? Nel XVII secolo, Bergamo si rivolge a Napoli attraverso la Serenissima per impreziosire le decorazioni delle sue chiese più sacre, avviando così un proficuo scambio culturale. Questo episodio, seppur poco indagato fino ad ora, si configura come un importante capitolo della storia artistica italiana. La mostra si prefigge di tracciare i contorni di questo fenomeno, mettendo in luce nuove attribuzioni, scoperte e documenti che testimoniano gli scambi artistici e culturali tra le due città.

 

La curatrice Elena Fumagalli, ci guida in un viaggio senza precedenti nella pittura partenopea del Seicento. Partendo dalle forti influenze caravaggesche di artisti come Battistello Caracciolo e Jusepe de Ribera, esploriamo le opere che riflettono la vitalità e la creatività di questo periodo. Proseguendo, giungiamo alle opere di maestri del calibro di Mattia Preti e Luca Giordano, che segnano il culmine artistico di questo periodo e ci regalano un'immersione straordinaria nell'arte del Seicento napoletano.


Il Passaggio del Mar Rosso di Luca Giordano, "Napoli a Bergamo" - Accademia Carrara. Foto © Cristian Carrara


Luca Giordano stesso diventa il ponte tra le due città con opere che testimoniano il suo legame con Bergamo. Uno dei momenti più suggestivi è sicuramente l'evocazione dell'enorme telero raffigurante il Passaggio del Mar Rosso e la gratitudine degli israeliti per la basilica bergamasca di Santa Maria Maggiore − inviato a Bergamo via Venezia nel 1682 − attraverso una proiezione in scala dove i visitatori possono immergersi nei dettagli dell'opera, un’esperienza tangibile dei legami artistici tra Napoli e Bergamo.

 

"NAPOLI a BERGAMO" non si limita a essere un'opportunità per esplorare la storia dell'arte italiana; è anche un momento di profonda riflessione sul ruolo fondamentale dei musei nella ricerca e nello sviluppo culturale del territorio. Martina Bagnoli, direttrice dell'Accademia Carrara, sottolinea con forza l'importanza di questo evento nel contesto istituzionale del museo, che si conferma l'Accademia Carrara come un luogo di scoperta e di connessione con il patrimonio artistico locale e nazionale, riaffermando così il suo ruolo vitale nella promozione della cultura e dell'arte.

 

La mostra sarà accompagnata da un ricco programma di conferenze concepito per offrire al pubblico approfondimenti storici e artistici, insieme alla presentazione della Fondazione Giuseppe e Margaret De Vito. Da Bergamo con Napoli, dalle sfere dell'arte sacra alle intricati legami mercantili, "NAPOLI a BERGAMO" si propone come un affascinante viaggio attraverso la cultura e la storia italiana del Seicento.

Comments


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE