Passeggiando per Fountainbridge con Sean Connery

Il tributo al grande attore scozzese


Sean Connery sotto la targa di Fountainbridge, Edimburgo (Scozia)


Qualche anno fa, durante un viaggio in Scozia, sono capitato per caso a Fountainbridge, un quartiere di Edimburgo, ho fatto un giro sul canale, sono stato al centro commerciale e poi ho cercato un pub. Quasi casualmente mi sono imbattuto in una targa che indicava che quello era il quartiere dove era nato Sean Connery. Mi sono chiesto come dovesse essere stato nel 1930, anno di nascita dell'attore; il posto era ben diverso, estremamente povero dove in pochi si avventuravano, ma con la stessa aria e atmosfera di adesso. Sean Connery, nella sua gioventù, qui fece molti lavoretti per aiutare la famiglia, persino il fattorino del latte su un carretto trainato da un cavallo!


Fountainbridge, di fronte al Palais de Dance Hall, 1920


In questi giorni, dopo la notizia della morte dell'attore, mi sono ritrovato a pensare a quando passeggiavo per Fountainbridge, e anche quando, a McEwan square, mi sono seduto su un muretto con una birra e ho respirato la bellezza che la Scozia offre in ogni suo angolo. Per un breve attimo nella mia vita, ho avuto la sensazione che io e Sean Connery abbiamo provato sensazioni simili. Perché Sean Connery era scozzese e, se ami questo Paese come lo amo io, senti di essere in connessione con tutte le persone che la abitano. Questa terra trasmette loro un'energia speciale, non importa che vengano dalla gelida Inverness o dalla nobile Edimburgo, ricchi e poveri, tutti hanno questa forza che arriva direttamente dall’aria che si respira.


La Scozia è un posto apparentemente lontano dal mondo eppure è culturalmente vivace, legato alle tradizioni, ma aperto alle innovazioni; fortemente radicato alla terra, ma con le vette più alte di tutto il Regno Unito. Sean Connery era così, partito dal nulla, si è fatto strada dal teatro alla televisione e infine al cinema, dove ha riscosso un grande successo mondiale. Il suo talento e il