• Laura Cavalieri Manasse

Thèm Romanò: il mondo di Rom e Sinti


"...i Rom non sono apolidi senza casa e perennemente squattrinati, ma sono obbligati ad esserlo”

Bandiera Rom | dal web

“Chi è costretto a vivere nel disagio e nella frustrazione, privato dei diritti minimi e indispensabili, è ovvio che aspiri a qualcosa di meglio. Eppure si deve sentir dire che non c'è modo di cambiare le cose, perché in fondo sono gli stessi zingari a voler vivere così, senza costrizioni. Ma è un'atroce falsità. I rom non sono apolidi senza casa e perennemente squattrinati, ma sono obbligati ad esserlo”.

Santino Spinelli

C'è uno stereotipo sociale e culturale in Italia, che si contrappone a una realtà molto diversa: quella di Rom e Sinti. Nell'immaginario collettivo queste persone vivono nei campi nomadi, sono dediti all'accattonaggio oppure rubano. In realtà almeno 130.000 Rom e Sinti vivono nel nostro paese in modo stanziale, svolgendo un lavoro regolare e pagando le tasse. Queste persone vivono in abitazioni normalissime, lavorano “mimetizzati” in mezzo a noi, orgogliosi della loro origine e della loro cultura, e solo uno su cinque vive nei campi nomadi.

Il popolo Rom è una delle più antiche minoranze del Vecchio Continente, tra le più dinamiche e radicate. Le prime notizie storiche del suo arrivo in Italia sono la Cronaca di Bologna (18 luglio 1422) e la Cronaca di Forlì (7 agosto 1422), che indicano il passaggio del duca Andrea e di 200 Indiani diretti a Roma. Nel 1430 la Cronaca di Fermo dice che i “Zengani” avevano un salvacondotto del Papa, che si aggiungeva a quello già rilasciato loro dall’imperatore Sigismondo, re di Boemia. Stime fondate su rilevamenti campione effettuate in diverse province italiane ci permettono di stabilire con sufficiente approssimazione un numero di più di centomila Sinti e Rom, suddivisi in gruppi molto differenziati fra loro per costumi, stile di vita e dialetto.

Queste differenziazioni sono dovute a ragioni storiche, economiche e sociali. È significativo, infatti, che i gruppi residenti da secoli in Italia prendano il loro nome dalle regioni, che sono state al centro della loro vita e della loro economia. Così i Sinti si dividono in lombardi, piemontesi, emiliani, marchigiani, veneti, mucini (Pianura Padana occidentale), kranarja (Carnia), krasarja (Carso), estrekharja (cioè Österreicher – austriaci del Südtirol). I Rom, invece, predominano nell’Italia centro-meridionale: abruzzesi, pugliesi, basalisk, napulengre, calabresi, celentani; oppure provengono dalla Venezia Giulia e zone limitrofe: sloveni, croati, istriani.

Festa Rom | dal web

Santino Spinelli, in arte Alexian, è fondatore e presidente dell'Associazione culturale Thèm Romanò (mondo romanò). Dal 2001 è unico rappresentante per l'Italia al Parlamento della International Romani Union (IRU), organizzazione non governativa con sede a Praga attiva nel campo dei diritti dei popoli Rom, alla quale è stato garantito lo status consultivo presso alcuni organi delle Nazioni Unite.

Alexian è uno studioso, musicista, compositore, poeta, saggista, docente universitario. Ha due lauree, una in Lingue e Letterature Straniere Moderne e l’altra in Musicologia, ed è fortemente impegnato a restituire l’identità invisibile dei Rom, valorizzando le tradizioni e le competenze millenarie tramandate nella quotidianità, proponendo la loro la cultura, la lingua e le espressioni artistiche che spaziano dalla musica alla danza, con l'utilizzo di strumenti come il cymbalom, il buzouki, il darabuka e il cajon.

L'Associazione Thèm Romanò organizza una Rom Summer School dall’1 all’8 agosto 2017 a Lanciano (CH). Una vacanza-studio interculturale che offre l'opportunità di conoscere la storia e la cultura romanì, la sua lingua, la letteratura, i canti e le musiche romanès, il Teatro Rom, le danze romanès. I partecipanti condivideranno pranzi e cene presso famiglie Rom italiane. Cene con gastronomia tipica romanès, musiche, canti e danze con l'Alexian Group.

Un evento a favore della cultura romani e delle famiglie Rom e per favorire conoscenza e rispetto. I partecipanti avranno modo, nelle ore libere, di vedere film documentari sul mondo Rom (gratuitamente) e di visitare luoghi interessanti come: il Miracolo Eucaristico di Lanciano, il Centro Storico di Lanciano, il Castello Ducale di Crecchio, il Castello Aragonese di Ortona, la Costa dei Trabocchi, la Casa Natale di Gabriele D'Annunzio e di Ettore Flaiano a Pescara, l'Istituto Tostiano ad Ortona e tantissimi altri luoghi culturali, luna park di famiglie Rom.

Per partecipare è necessario prenotare entro e non oltre il 20 luglio 2017

contattando il 340 6278489 o inviando una mail a spithrom@webzone.it

Chi è | Laura Cavalieri Manasse

Vive all'Isola d'Elba da dove segue la redazione di ArtApp, spesso su una spiaggia, con il computer sulle ginocchia di fronte al mare. Collabora come editor per alcune case editrici e con tutti coloro che le chiedono un consiglio che li aiuti a scrivere in modo corretto e interessante.

Altri articoli di Laura Cavalieri Manasse

#LauraCavalieriManasse #SantinoSpinelli #AssociazioneThèmRomanò #Rom #Sinti #InternationalRomaniUnion

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle