• Paolo Riani

虎の寝床 TORA NO NEDOKO, Il Giaciglio della Tigre


Casa Miller, Los Angeles, California, USA 1988

Photo © Paolo Riani

A volte mi piace rivisitare cose che ho progettato anni fa. Dovrebbero farlo tutti, la verifica può dare risultati inattesi.

Un elicottero della polizia accende improvviso un grande riflettore e riempie di luce accecante l’ansa della strada, illuminandola a giorno, secondo una tecnica messa a punto in Vietnam. Poi vola via verso il basso. La quota di pattuglia sta a mezzo fra la casa e il fondo della valle. La città è Los Angeles, il posto è Grandview Drive, una strada che si snoda sulla cresta delle colline di Laurel Canyon. La casa è di Randy Miller, un ragazzo di 23 anni, che ha fatto in brevissimo tempo un’enorme fortuna vendendo bottiglie di acqua di seltz addizionata con sciroppi di frutta reclamizzata come un'unica bibita ecologica, negli Stati Uniti. Randy ha l’hobby di fare stunts per il cinema e di fare il domatore: possiede un ranch con cinquanta felini. Ogni fine settimana se ne porta uno addomesticato in casa.

La vista sul panorama di Los Angeles da quassù è spettacolare: sia di giorno, quando i grattacieli della downtown o di Century City bucano la spessa cortina di smog che staziona immobile sulla città, sia la sera quando la grande pianura si accende di migliaia di luci. C’è anche, a nord, una vista sul Canyon, una valle piena di piccole case sparse fra la vegetazione. La forma stretta e lunga del terreno, che ha l’accesso obbligato da Grandview Drive, e l’affaccio sullo strapiombo drasticamente tagliato quasi a 90 gradi, hanno determinato la forma di questa casa.

È fatta da due nuclei a livelli diversi e sfalsati collegati da mezze rampe di scale. La maggior parte della vita all’interno della casa si svolge nel corpo a sbalzo sul panorama che contiene la camera del letto principale, i soggiorni su due livelli e un sistema di terrazze. La camera per gli ospiti, una palestra e un ingresso molto discreto si affacciano su Laurel Canyon.

Al centro, quello che doveva essere un cortile e costituire un’estensione all’aperto del soggiorno e un’alternativa più intima alla vista sul panorama lontano, è stato chiuso da vetri di sicurezza per alloggiare il felino – tigre o puma o giaguaro - che divide la casa col proprietario. In mezzo alla gabbia di vetro, specialisti di Disneyland hanno costruito un albero di cemento che sembra vero, capace di reggere il peso non indifferente degli animali che ci saltano contro. L’architettura della casa è caratterizzata dal segno deciso e soft-tech, da volumi definiti da superfici ad intonaco grigio e grandi vetrate. Nessun dubbio nell’interpretare il difficile rapporto fra la ricerca di privacy e solitudine e la voglia di grandi orizzonti, che è l’essenza stessa del sogno americano.

Chi è | Paolo Riani

Architetto e urbanista, ha progettato e costruito in Italia, in Giappone, negli Stati Uniti, in Medio Oriente, in Russia e in Argentina. Associate Professor of Architecture alla Columbia University, NY; Senatore della Repubblica Italiana, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di New York e Professore di Architettura e Composizione Architettonica al DESTEC dell’Università di Pisa. Scrittore e fotografo, è autore di libri di architettura e di viaggi. Vive sulla costa della Toscana, con studio in un ex cantiere navale da lui ristrutturato nel porto di Viareggio.

#PaoloRiani #LosAngeles #Disneyland #RandyMiller

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle