• Redazione ArtApp

Transnational Migration and Immigration


I resti di ciò che un giorno era un riparo per migranti, frammenti di oggetti impigliati su reti lacerate, come dopo un naufragio, creano la scenografia dell'installazione di Franca Marini, in mostra nel New Jersey

«Immagini di uomini, donne e bambini ammassati su imbarcazioni di fortuna in balia della morte tra le acque del Mediterraneo non possono lasciarci indifferenti, non possono non modificare la nostra percezione della storia presente. Elaborare attraverso le immagini dell’arte quella che possiamo definire una tragedia epocale può avere un senso. Come artista ho sentito l’esigenza e la responsabilità morale di farlo-» Sono le parole di Franca Marini che ha realizzato le opere. L’installazione si sviluppa per 8 metri di larghezza e 22 di lunghezza, altezza 3,30 m. È realizzata con stoffa, reti metalliche, reti in fibra di vetro, colori spray e filo di rame. Al suo interno sono inserite 3 video proiezioni.

«Con questa installazione ho però cercato di rappresentare non solo il viaggio di speranza a cui sono costretti milioni di migranti alla ricerca di una nuova vita, ma anche quel viaggio inteso come trasformazione interiore che ogni uomo e donna può dover intraprendere per superare, lasciarsi alle spalle ciò che ancora non ci rende completamente umani. Una trasformazione che non può prescindere dall’incontro e accettazione del diverso, del non conosciuto e come tale da temere – il pericolo che il migrante rappresenta nell’immaginario collettivo della nostra società – che implica il riconoscimento nell’altro della nostra condivisa umanità senza cui costruire un mondo diverso e più giusto non è possibile».

Resti di ciò che un giorno era un riparo, frammenti di oggetti quotidiani impigliati su reti lacerate o come alla deriva dopo un naufragio, creano una scenografia che evoca un senso di smarrimento e lacerazione.Dall’oscurità di un paesaggio desertico senza vita il visitatore viene condotto lungo un percorso che porta all’incontro con i volti di quegli uomini e quelle donne che hanno sfidato la morte. Il video alla fine di questo viaggio immaginario apre con il migrante Togolese, vittima come tanti altri di razzismo e intolleranza xenofoba, il cui ferimento scatenò i fatti di violenza che avvennero a Rosarno nel 2010.

Human Rights Institute gallery, Kean University, Union, NJ Fino al 20 giugno 2018 a cura di Neil Tetkowski

Photo © Massimo Marini

#FrancaMarini #NeilTetkowski #Migranti #Immigrati #NewJersey #Installazione

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle