top of page

Jiayu Liu alla Biennale Arte 2022

Intervista all'artista cinese che ha esposto alla 59^ Biennale di Venezia, nella mostra Meta-Scape ispirata dal “Jing 境” della cultura tradizionale cinese



Pengpeng Wang, dottorando di ricerca in Storia dell’Arte, Estetica, Linguaggi delle Immagini presso l'Università degli Studi di Salerno ha intervistato l’artista Jiayu Liu in merito allo sviluppo dell'arte contemporanea cinese.


Pengpeng Wang: Come interpreta il ruolo del concetto di "new media art" o "arte dell'intelligenza artificiale" nel linguaggio artistico attuale?


Jiayu Liu: Credo che l'intelligenza artificiale sia solo uno dei mezzi di espressione della tecnologia e dei media, non credo che sia "A I Art". È interessante ricordare che l'anno scorso (2022) e l'anno prima (2019) la NFT era molto popolare e c'era un termine chiamato "artista della “Non-fungible token", perché sappiamo tutti che la NFT non è una forma di espressione artistica, ma è comunque visiva. Quindi, in risposta a questo fenomeno, ricordo di aver visto un tweet (su Twitter) di un artista molto anziano che si occupava principalmente di blockchain, e diceva che ciò che la gente dice ora parlando di "Artista NFT" è molto simile a quando si descrive un musicista come un artista MP3 o un musicista CD: non si può usare una tecnologia per nominare una categoria o un artista. Allo stesso modo penso che l'arte dell'I A al momento non esista completamente da sola perché ha ancora bisogno di molto controllo umano, per esempio: quando ho usato l'I A per programmare e riprodurre l'immagine del cielo nel 2018, volevo che il cielo fosse il più reale possibile, quindi l'ho lasciata andare per molto tempo, e più avrebbe generato più sarebbe stato reale. Ma quando ho realizzato il lavoro alla Biennale di Venezia volevo che fosse meno reale, perché la tecnologia cambia e si sviluppa molto rapidamente.


Pengpeng Wang: Come appartenente alla giovane generazione di artisti cinesi, qual è la sua missione?


Jiayu Liu: Sono molto felice e onorato di farne parte perché è possibile vedere la situazione attuale dell'arte contemporanea cinese attraverso le opere esposte nel Padiglione Cina e gli artisti di diverse fasce d'età. Mi chiedo: il nostro tempo sta diventando più veloce? Perché tra gli artisti della vecchia generazione si usa ancora il decennio per dividere gli anni. Con le informazioni che guardiamo ogni giorno, si è passati dai 90 minuti di film in bianco e nero di decenni fa ai 15 secondi di brevi video a colori di oggi. E ancora: l'esperienza umana della vita è stata accelerata molto nelle 24 ore di ogni giorno? Le persone ora dividono le generazioni in modo più sottile, ad esempio, post-anni '80, post-anni '85, post-anni '90, post-anni '95, post-anni '00, e si tende a usare 5 anni come punto di divisione. Qualche decennio fa dicevamo artisti degli anni '60 o artisti degli anni '70, e la gente li divideva in ondate di 10 anni, ma ora il tempo sembra accelerare, o almeno accelerare doppiamente, e quando torniamo indietro per valutare un artista, o quando descriviamo un artista, diciamo che è post-anni '90, che è post-95, che è post-00... Credo che questo sia un punto particolarmente interessante, perché dopo lo sviluppo della tecnologia e della società, scopriremo che riceviamo informazioni più velocemente di prima, e l'esperienza umana sta gradualmente accelerando nella società.


Pengpeng Wang: In questa fase ci sono molti studiosi e artisti che tornano in Cina per lavorare e creare, come lei; quali cambiamenti pensa che questo stia portando all'arte contemporanea cinese?


Jiayu Liu: Penso che il ritorno di studiosi e artisti porti molti cambiamenti all'arte contemporanea cinese, in primo luogo allargando una prospettiva globale. In secondo luogo, l'integrazione interdisciplinare: molti studiosi di ritorno hanno competenze interdisciplinari e tendono a combinare diversi campi come l'arte, la tecnologia e la scienza per fare tentativi innovativi. Questa fusione di pensiero offre più dimensioni e possibilità alla creazione di arte contemporanea in Cina. Oltre all'uso della tecnologia, un numero significativo di studiosi rimpatriati ha raggiunto alcuni risultati di ricerca nei campi d'avanguardia internazionali della tecnologia, della fisica e della matematica, e sono in grado di combinare e applicare questi risultati tecnologici con l'arte nella produzione di opere d'arte, creando opere più complesse. Gli studiosi e gli artisti rimpatriati hanno attraversato una fase di studio all'estero, i loro studi e la loro vita all'estero hanno permesso loro di sviluppare idee e approcci artistici unici, e al loro ritorno in Cina hanno portato con sé alcuni modi di pensare diversi dalla formazione culturale tradizionale, iniettando nuova linfa nella diversità e nella creatività dell'arte contemporanea. In breve, il ritorno di studiosi e artisti ha svolto un ruolo positivo nel promuovere il suo sviluppo ponendola all'avanguardia delle tendenze artistiche internazionali, conferendole una prospettiva internazionale più ampia, un background interdisciplinare e un'innovazione tecnologica, promuovendo al contempo il pluralismo sociale e culturale e una comunicazione aperta in Cina.


Pengpeng Wang: Che tipo di influenza l'arte contemporanea cinese ha avuto sull'arte contemporanea internazionale?


Jiayu Liu: Lo sviluppo dell'arte contemporanea cinese nei nuovi media ha portato alcune nuove idee e pensieri all'arte contemporanea internazionale e ha esercitato una certa influenza sull'arte contemporanea internazionale. La pratica degli artisti contemporanei cinesi nell'ambito dell'arte dei nuovi media ha introdotto alcune nuove forme di espressione e mezzi tecnici nell'arte contemporanea internazionale. Nel campo della new media art, gli artisti cinesi hanno continuato a concentrarsi sulla questione del conflitto culturale nel processo di cambiamento sociale e di globalizzazione, riflettendo sul loro punto di vista in merito al pluralismo culturale e sulla sua conservazione, che ha attirato l'attenzione internazionale, contribuendo al dibattito globale sull'identità culturale e sui suoi complessi cambiamenti. La sperimentazione e lo sviluppo di alcuni artisti cinesi contemporanei nel campo della new media art ha inoltre dato vita a nuove tendenze. Alcuni artisti cinesi contemporanei sono emersi anche nel campo dell'utilizzo della tecnologia per esplorare il rapporto tra uomo e macchina.



Comments


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE