• Santo Eduardo Di Miceli

Gabriele Basilico, il fotografo dei paesaggi urbani

Il famoso fotografo di architettura che con il suo lavoro ha modificato il modo di vedere le città


Quartiere Isola, Milano 1978 | Photo © Archivio Gabriele Basilico


Gabriele Basilico è nato nel 1944 a Milano, città dove a vissuto e si è formato. Si può considerare come punto di partenza del suo lavoro la serie “Milano, ritratti di fabbriche”, il primo lavoro svolto senza soluzione di continuità dal 1978 al 1980, pubblicato dalla casa editrice Sugarco nel 1981, dedicato a tutta l'area industriale periferica di Milano che si pone come un'interpretazione della sua morfologia urbana.


La fotografia di architettura e di paesaggio urbano è stata al centro del dibattito tematico nel nostro paese negli ultimi vent'anni anni. Ciò ha generato una nuova attenzione e una nuova sensibilità verso il paesaggio e in particolare verso la sua trasformazione recente. Questi confronti coinvolgono direttamente Gabriele Basilico poiché a cavallo degli anni '60 e '70 studia architettura e di conseguenza il rapporto tra cultura del progetto e cultura della visione che per lui continua a rappresentare un cantiere aperto nell'esperienza della fotografia. Naturalmente il pensare e fare architettura comporta una grande responsabilità civile e politica, che in apparenza il far fotografia non ha, perché tende a sfruttare tutta la libertà possibile d’interpretazione del reale, tipica del comportamento dell'arte.


Cimitero di San Cataldo, Modena 2007 | Photo © Gabriele Basilico


Nello stesso tempo durante questi anni c'è stata, nell'esperienza dei fotografi in Italia e all'estero, una coincidenza di pensiero e un'esperienza sul campo che hanno spostato l'asse dell'impegno, tipicamente professionale, teso a restituire una nuova bellezza agli edifici verso una più articolata e problematica rappresentazione dell'architettura, come se essa, cioè i luoghi, gli oggetti e lo spazio della città fossero parte di una disputa conoscitiva aperta in cui confrontarsi.


Basilico tende a riproporre l'architettura, filtrata dalla luce, in modo scenografico e monumentale. Dice di sé: «[…] Ho rivisto le immagini nascere da un'operazione di astrazione, di isolamento, di assenza. Ho individuato un metodo per capire e per scoprire ciò che a volte si osserva in modo confuso e miope. Ho trasferito l'oggetto della mia percezione dalla macchina fotografica alla carta, e quando le immagini stampate in bianconero mi hanno ricondotto con esattezza ai luoghi, suscitando le stesse emozioni, ho avuto la verifica che cercavo. Così in un modo abbastanza casuale è iniziato il mio lavoro più lungo di quel periodo, che mi ha coinvolto per due anni e mezzo circa. Ho percorso sistematicamente tutte le strade della periferia milanese, utilizzando carte topografiche 1:25.000 con evidenziate le aree produttive. Con la fotografia ho prelevato un numero enorme di frammenti di architetture anonime, ricomponendoli alla fine in un progetto che ha avuto come esito un libro e una mostra al PAC di Milano nel 1983» (G. Basilico, L'esperienza dei luoghi, Arti Grafiche Friulane, Udine 1995).


Via Ripamonti, da “Milano ritratti di fabbriche 1978-80”, 1980


Definito il fotografo delle città inizia un percorso che parte da Napoli, Trieste, Genova, Rotterdam, Anversa, Amburgo, Barcellona, Vigo, Losanna, Zurigo, Madrid, e approda a Bilbao, Nizza, Graz, Francoforte, Palermo, Napoli e infine a Berlino. Dopo 15 anni esatti dal lavoro delle fabbriche, è nato un secondo progetto fotografico sulla città di Milano. Nel 1996, la Biennale di Venezia, VI Mostra Internazionale di Architettura, gli affida l'incarico di un grande lavoro fotografico sulla trasformazione sul paesaggio italiano. Con Stefano Boeri propongono un viaggio on the road, in diversi luoghi del paese, da una città all'altra: «[…] Per capire come è cambiata l'Italia, abbiamo perimetrato sei porzioni del suo territorio, lunghe 50 Km. e profonde 12 km., ritagliate a partire dal centro di alcune grandi conurbazioni: da Milano verso Como, da Mestre/Venezia verso Treviso, da Firenze verso Pistoia, da Rimini/Riccione verso il Montefeltro, da Napoli verso Caserta, da Gioia Tauro verso Siderno»


E ancora: «[…] Scorrendo verso l'esterno delle città storiche, la macchina fotografica ha registrato tutto quello che era cambiato entro queste sei 'fette' di spazio, intercettando le trasformazioni, la loro intensità, i loro rapporti con le parti urbane più consolidate, usando la ripetizione degli stessi manufatti come una cartina di tornasole per cercare, luogo per luogo, differenze e declinazioni. Dappertutto, spesso addossati l'uno all'altro in modo incongruo. Costruzioni modeste, ma preoccupate di distinguersi dalle altre costruzioni vicine. Sento che quello che si muove intorno a me è troppo veloce, io sono lento, anche mentalmente. Ho bisogno di rallentare fotografo con il cavalletto. Mi rendo conto però che il mio ultimo lavoro su Milano possa risultare un po' schizofrenico perché uso tre immagini ogni volta ed è come se non avessi più fiducia della staticità. Tendenzialmente, però, la sospensione della vita che scorre è un elemento importante della mia narrazione - […] credo di essere un testimone del confronto, dello scambio e dell'incrocio di esperienze con la cultura architettonica. In questa cultura, come altri artisti e fotografi che hanno come obiettivo la rappresentazione del mondo, mi sono ritrovato. Sarà interessante, nei prossimi anni, misurare questo interesse e scoprirne la durata. Ormai il lavoro di chi si occupa d’immagini è diventato più visibile e ha maggiori possibilità di interfacciarsi con altri ambiti» (G. Basilico, S. Boeri, “VI mostra internazionale di architettura”, Edizioni Motta, Milano 2000).


Per quest’importante lavoro sempre nel 1996 ha ricevuto il premio "Osella d'oro" per la fotografia di architettura contemporanea, attribuitogli dalla VI Biennale di Architettura di Venezia. Gabriele Basilico, nella realizzazione dei suoi lavori, si recava più volte nello stesso luogo, per ottenere una maggiore empatia poiché secondo l'artista nel gesto del ritorno scattano meccanismi che fanno parte anche della psicologia e riescono a risvegliare energie generalmente sepolte.

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle