• Laura Cavalieri Manasse

Il gioco dei bambini della generazione 3.0 negli scatti di Stefano Ottomano


Le istantanee del fotografo pugliese mostrano i classici giochi dei bambini di una volta, storpiati dall'utilizzo dello smartphone. Un confronto risoluto e molto interessante tra generazioni di ex bambini e nuovi adulti

Stefano Ottomano insegna musica alla Scuola Media “Dante Alighieri” di Lucera (FG), passa le sue giornate con i suoi giovani allievi; guardarli durante le lezioni è un suo dovere, ma la sua innata curiosità di fotografo gli ha permesso di osservarli durante i loro momenti di pausa e di svago. Il paragone con il bambino che lui era all'età dei suoi studenti è stato automatico, i suoi ricordi d'infanzia vissuti all'aperto con i compagni di gioco si sono sovrapposti ai comportamenti dei ragazzini della “generazione 3.0”. Da qui è nata una serie di fotografie molto interessanti che fermano, nello scatto di un'istantanea, il paradosso di un gioco fisico disturbato dalla distrazione dello smartphone.

Stefano ci spiega: «chi si occupa di arte ha l'obbligo di raccontare la società in cui vive, il bene e il male che la caratterizzano. È evidente che l'uso del cellulare abbia avuto e continua ad avere i suoi vantaggi, ma è chiaro che ha completamente distrutto alcuni elementi primordiali della comunicazione e del vivere in comunità, sia se si tratta di lavoro, sia se si tratta di svago per non parlare delle situazioni sentimentali. Ecco che ho voluto far vivere a dei ragazzi i bellissimi giochi che facevo io alla loro età, sperimentandoli però con il disturbo del telefonino. La bellezza di giocare a biglie per strada o correre nei sacchi, o altri svaghi simili ci permettevano di divertirsi, comunicare realmente, interagire ed emozionarsi con i nostri amici, i bambini che avevamo di fronte e che partecipavano attivamente alle nostre sfide. I nostri giovani sono sempre fermi, con la testa bassa concentrati sullo smartphone, così perdono di vista il mondo reale, i sorrisi autentici, i pianti, le gioie e soprattutto non imparano ad utilizzare la loro manualità.»

È un rammarico comune in molti adulti quello di constatare come le nuove generazioni abbiano perso la capacità di stare in gruppo e divertirsi in modo fisico, correndo e urlando e sfidandosi in giochi di abilità corporea, sudando e vivendo in modo tangibile la sana competizione del gioco. Ottomano prosegue: «oltre alla tradizione, le nuove generazioni hanno perso la manualità nel costruire un gioco e di metterlo in atto, che sia un salto alla fune, o disegnare una campana... Sono fortunato di aver vissuto a pieno e al meglio della genuinità dell'amicizia, la strada, e questo mi ha spinto a realizzare questo lavoro, che non vuole essere la descrizione dei giochi del passato, ma il loro racconto analizzato con assurdo dualismo degli strumenti, che mostra l'involuzione e l'aridità dei comportamenti quotidiani dei nostri giovani e giovanissimi, che noi adulti abbiamo il dovere di scoraggiare e correggere.»

Chi è | Laura Cavalieri Manasse

Cura la redazione del semestrale ArtApp e della sua piattaforma online, senza rinunciare a scrivere degli articoli sugli argomenti che l'appassionano, come la fotografia o il teatro. Collabora come editor per alcune case editrici e con tutti coloro che le chiedono un consiglio che li aiuti a scrivere in modo corretto e interessante.

#LauraCavalieriManasse #StefanoOttomano #Smartphone #Generazione3 #Generazione30

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle