• Cristian Carrara

Heimatlos, seme di un'illusione


L'opera dell'artista giapponese Keizo Mori vince la seconda edizione di ArtApp Artist Contest | UTOPIA

Keizo Mori, Himatlos, 2015 | Foto © Koji Tsujimura

Tra le oltre 70 opere ricevute per la seconda edizione del concorso internazionale ArtApp Artist Contest, la giuria ha scelto Heimatlos, scultura in panno e ferro dell'artista giapponese Keizo Mori, come meglio rappresentativa del tema del prossimo numero in uscita: Utopia.

L’oscurità del mondo aumenta giorno dopo giorno.

In questa orribile penombra crepuscolare un’illusione sale leggera dall’inconscio, come da un mare profondo, si trasforma in una forma solida e si fissa infine nel flusso del tempo che scorre come un torrente impetuoso.

Da allora l’occhio vuoto della forma guarda solo lontano, in silenzio, senza riposo, con a fianco lo scheletro di una casa in rovina, che rimane pericolante senza crollare. Le ferite sotto il panno bianco che tutto avvolge, non guariscono ancora.

La forma quindi fa sentire il dolore, la tristezza e l’ira della gente che perde la patria. Ma non so da dove sia giunto, volando nel mio profondo, questo seme di illusione. Dalla zona colpita dai danni della centrale nucleare? Dai confini varcati da tanti poveri? O dalle città distrutte dai bombardamenti? Dal mare dove i piccoli profughi perdono la vita? O risalendo dalla storia dell'Olocausto? O forse solo dal pensiero di Heidegger che cercava la patria dell'essere?

Chi è | Keizo Mori

Nasce nel 1963 nella Provincia di Shiga (Giappone). Il nonno e il bisnonno sono scultori tradizionali del legno e la scultura è quindi per lui un’arte familiare. Nel 1984 entra all’Università d’Arte di Tama (Tokyo), dove il suo sguardo si rivolge alla scultura italiana contemporanea. Nel 1997 questo interesse lo porta, grazie ad una borsa di studio del Governo Italiano, a studiare all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Tornato in patria inizia a lavorare rivitalizzando la tradizionale tecnica orientale di stratificare i tessuti imbevuti di lacca. Con questa tecnica nel 2016 vince il Premio della International Biennial of Miniature Arts di Timisoara (Romania). Oltre al lavoro di scultore effettua ricerche su Arturo Martini, e consegue il dottorato all’Università di Chiba nel 2012. Studiando le sculture propagandistiche di Martini durante il fascismo, rileva l’importanza del rapporto fra arte e società, tema che, molto ponderato, si concreta nel respiro che anima l’opera Heimatlos.

Scopri di più su Artapp Artist Contest

#KeizoMori #ArtAppArtistContest

Schermata 2020-01-20 alle 17.09.20.png
Sostieni ArtApp!

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli.

Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

Scelti per voi

FB-BANNER-01.gif

© 2020 Edizioni Archos P.IVA 02046250169 - ArtApp | semestrale | Anno XI | Reg. 03/2009 Tribunale di Bergamo

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle