top of page

Gabriele d'Annunzio - Lorenzo Viani L'eterna inquietudine

Il comune di Viareggio e il Vittoriale degli Italiani collaborano per il 160° anniversario della nascita di d’Annunzio con una mostra su Viani al Vittoriale e una su d’Annunzio in Versilia alla GaMC


Gabriele d'Annunzio e Lorenzo Viani sulle Apuane per lo scoppio della mina, 1907 | Foto di Nunes Vais

La doppia mostra, che porta Gabriele d’Annunzio a Viareggio e Lorenzo Viani al Vittoriale degli Italiani, nasce – oltre un secolo fa – da un felice incontro di amicizia e di idee e dalla reciproca ammirazione fra i due grandi artisti. Viani amò sin da ragazzo d’Annunzio, che fu per lui il poeta delle virtù civiche e guerriere, del mito libertario, ma anche delle dolci malinconie trasmesse da un lirismo evocativo e musicale. Ne parla nel volume Il Cipresso e la vite, ricordandolo alla Versiliana, poi alle prese con la stesura dell’Alcyone e durante le cavalcate sulla spiaggia dalla Versilia al Gombo. Nella Toscana del primo Novecento nessun altro luogo, a parte Firenze, è stato così intensamente amato e vissuto da d’Annunzio come il territorio compreso tra Bocca d’Arno, le spiagge di San Rossore e la Versilia che fece parlare nelle sue poesie.


D’altra parte, Viani, considerato dalla critica uno tra i più grandi protagonisti della scena culturale europea agli inizi del Novecento, seppe raccontare una Toscana non più macchiaiola, rappresentando i lavoratori delle cave e del porto, le vedove del mare e i girovaghi con empatica efficacia, in uno stile sintetico nella forma e forte nelle scelte cromatiche. Aveva in comune con d’Annunzio l’aspirazione a una fusione tra arte e vita. Seppe articolare la sua visione del mondo coi molti mezzi espressivi di cui disponeva, pittura, disegno, xilografia, scrittura, poesia. Nel 1921 illustrò con otto xilografie lo storico messaggio di d’Annunzio a De Ambris Vogliamo vivere.


Un suo capolavoro che mi commuove avere al Vittoriale è l’olio su tela La benedizione dei morti del mare, che rappresenta una folla di miseri popolani riuniti sulla spiaggia per un rito in suffragio dei morti del mare. È una vasta rappresentazione corale sul dolore, la compassione e la solidarietà. Mi commuove anche ricordare la mia adolescenza viareggina, quando a volte mi permettevo di sedere sul grande busto marmoreo di Viani, allora esposto all’aperto, all’inizio del molo, e ora fortunatamente protetto da iniziative simili, riparato alla GaMC. Fumavo le prime sigarette, guardavo i gabbiani, sognavo di scrivere poesie che per mia fortuna non ho scritto e mi chiedevo quale sarebbe stato il mio futuro. Il mio futuro è stato ricevere qualche anno fa – con immensa gioia – il Premio Città di Viareggio e adesso avere Viani al Vittoriale. Qui, insieme a d’Annunzio, aggiunge ancora alla vita “Il vigore, l’ardire, l’eleganza, l’allegrezza, la franchezza, la volubilità, la voluttà” cantati nella Leda senza cigno.

Giordano Bruno Guerri


Loranzo Viani, La benedizione dei morti del mare, xilografia

In vista del 160esimo anniversario della nascita di D’Annunzio, verranno inaugurate tra pochi giorni due mostre che nascono dalla volontà di far conoscere il legame tra Gabriele D'Annunzio e Lorenzo Viani, e il loro amore per la Versilia. L’iniziativa è di due persone che hanno saputo collegarsi per questo progetto: l’Assessore alla Cultura del comune di Viareggio, Sandra Mei e Giordano Bruno Guerri, direttore del Vittoriale d’annunziano.


Viani, Giovane dalla sigaretta


La prima mostra, “Viani al Vittoriale”, aperta dall'11 marzo fino al 10 settembre 2023, sarà allestita negli spazi del Vittoriale di Villa Mirabella, a Gardone Riviera (BS). L'artista viareggino, uno dei massimi esponenti dell’Espressionismo italiano, era molto legato a D’Annunzio, che considerava essere non solo il poeta delle dolci malinconie, ma anche quello delle virtù civiche e del mito libertario.


L'Officina. Foto di Caterina Salvi Westbrooke


L'altra mostra D’Annunzio a Viareggio sarà inaugurata a giugno 2023 e resterà aperta fino a ottobre, alla GaMC della cittadina in Versilia. Saranno esposti molti ricordi dello scrittore, manoscritti, abbigliamento, oggetti a lui appartenuti e una ricca raccolta di fotografie di Caterina Salvi Westbrooke.

L'allestimento e il catalogo sono a cura dell'arch. Paolo Riani e Andrea Lancellotti.


La facciata della Prioria. Foto di Caterina Salvi Westbrooke






Comments


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE