top of page

Lo sguardo restituito

La rassegna in corso al Museo di Santa Giulia a Brescia propone un affascinante viaggio nelle diverse declinazioni del genere fotografico del ritratto, dai primi anni del Novecento ai selfie


© Giorgio Lotti, Chou En Lai


È tutto così semplice…si trova una posa e la si illumina.

Poi…la si anima con delle espressioni. Poi si scatta.

George Hurell


Fare un ritratto per me è la cosa più difficile.

Difficilissima, è un punto interrogativo poggiato su qualcuno.

Henri Cartier-Bresson


Fino al 28 agosto 2022, il Museo di Santa Giulia a Brescia ospita la mostra Lo sguardo restituito. Una storia della fotografia, uno dei principali appuntamenti della quinta edizione del Brescia Photo Festival, iniziativa promossa da Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con Ma.Co.f - Centro della fotografia italiana che quest’anno verterà sul tema Le forme del ritratto. La rassegna, curata da Renato Corsini e Tatiana Agliani, propone un affascinante viaggio nelle diverse declinazioni di questo genere fotografico, dai primi anni del Novecento ai selfie, attraverso le opere di anonimi autori e di grandi maestri quali Steve McCurry, Sebastião Salgado, Ugo Mulas, Gian Paolo Barbieri, Alberto Korda, Edward S. Curtis e molti altri, che offrono anche una riflessione sull’identità delle varie persone e sulla rappresentazione che si offre di se stessi, dentro e oltre la maschera del volto.


© Gian Paolo Barbieri Vogue Italia, Audrey Hepburn

Il percorso espositivo, suddiviso in undici sezioni, si apre con quella in cui tutti gli scatti, siano quelli di Audrey Hepburn di Gian Paolo Barbieri o degli amici al mare di Franco Vaccari o del pugile che evidenzia la sua forza, vedono il soggetto assumere posizioni o atteggiamenti studiati e scelti per sottolineare alcuni aspetti legati lla situazione o alla sua personalità e prosegue con quella che si focalizza sulla rappresentazione eterea e raffinata della donna, molto in voga a partire dagli anni venti del secolo scorso. Il ritratto è lo strumento per suggellare il ruolo sociale dell’individuo o per celebrare i “miti di carta” della nuova società di massa. Ecco allora personaggi quali Marilyn Monroe, Mao Zen Dong, Marlene Dietrich, Ernesto Che Guevara, Sofia Loren e Cary Grant, immortalati da grandi autori quali Jousuf Karsh, Philippe Halsman, Elisabetta Catalano che, con i loro attenti studi sulle luci e le ombre, fanno risaltare la potenza drammatica dei volti.


© Franco Piavoli, Ritratto di Ugo Mulas


Ma fuori dai miti c'è la vita, che la fotografia cattura donando a tutti un sogno d’immortalità. Nel corso dei decenni migliaia di fotografi di documentazione sociale e di informazione, quali Walker Evans ed Edward Steichen, hanno fotografato uomini e donne del proprio tempo, cogliendo in essi i segni della fatica, della sofferenza, della determinazione, della voglia di vivere e di amare. Il volto è la superficie su cui affiorano sentimenti ed emozioni, ma anche la maschera dell’io che nasconde il mistero dell’essere. Muovendosi nell’ambito di una fotografia sperimentale di ricerca, autori quali Man Ray, Paolo Gioli, Desirée Delron, Loretta Lux, hanno parlato della dimensione universale dell’uomo, dando voce alla sua condizione esistenziale. La mostra si completa con la sezione dedicata ai selfie, forma di narcisismo contemporaneo che si è sviluppato nell’epoca della fotografia digitale e degli smartphone.


© Josie Earp, Portrait of Kaloma

«Il ritratto è da sempre un tema molto importante per i fotografi. Esso è stato la molla che ha fatto sviluppare la fotografia e ne ha decretato il successo, rendendolo accessibile a tutti - commenta Tatiana Agliani, co-curatrice della mostra - Oggi è considerato la cosa più importante della nostra esistenza, perché certifica la nostra stessa vita: dalla fototessera sui documenti, alla nostra memoria storica e quella dei nostri cari, fino ad arrivare a considerare il ritratto come un modo per mostrarci agli altri, tipico del narcisismo moderno».


Vittorio La Verde, Giorgio De Chirico

«La mostra che propone il Museo di Santa Giulia da marzo a luglio è forse la più completa antologica della storia della fotografia dall’Ottocento ai giorni nostri dedicata al tema iconico del ritratto - commenta il direttore della Fondazione Brescia Musei Stefano Karadjov - decine di ‘giganti’ di quest’arte raccolti da Renato Corsini e Tatiana Agliani illustrano meravigliosamente la trasformazione del mezzo fotografico e l’evoluzione antropologica della fotografia. Le ‘maschere’ rappresentate in mostra, siano essi le celebri star hollywoodiane o gli anonimi popoli indigeni dalla loro epoca premoderna, ci significano la grandezza dello strumento fotografico che forse solo nella forma del ritratto presenta così’ chiaramente il proprio statuto di arte contemporanea per eccellenza. Un grande onore per Brescia Musei pregiarsi di una antologica di questo respiro e la nostra gratitudine, oltre che ai curatori, va ai tanti collezionisti che hanno compreso il valore artistico e formativo di questo progetto fotografico nella V edizione del Photo Festival, un evento nazionale ormai maturo e consolidato».



تعليقات


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE