top of page

Se le immagini diventano parole, le parole diventano storia

Capo di Leuca, museo di pace e di accoglienza



Il Capo di Santa Maria di Leuca è una terra sospesa fra cielo e mare, è una terra aperta ai venti, ai profumi, ai colori, al movimento delle onde del mare che assecondano i pensieri e l'inquietudine del tempo, nella forza della Fede. Il Santuario di Santa Maria de Finibus Terrae, di pietra bianca, dà serenità a chi lo osserva. Le porte in bronzo, dell'artista Armando Marrocco, rappresentano lo sbarco degli albanesi. La narrazione dello sbarco, nelle tre porte, è ricca e profonda di umanità assecondata dal mare fermo e dal cielo stellato. I profughi respirano fiducia, sentono il favore della terra che li accoglie e sentono di essere salvi.


Entrando nel Santuario si incontra la statua della Madonna, con la lampada della Pace. Le parole: "Lux pacis" sono l'indicazione della fede nel ruolo della Madonna nel Cristianesimo in cui la pace è visione, disegno della salvezza; la luce infatti apre le tenebre, sconfigge la paura del buio e illumina la vita in cammino. Le parole, "Lux e Pacis" sono parole senza tempo, sono parole che uniscono il cuore con la mente, la volontà con l'intelletto. Le parole "Lux Pacis" sono il sentiero del pensiero in cui la filosofia incontra la teologia: per conoscere bisogna credere. Questo fu, nella storia, l'insegnamento di San Tommaso.


Nel paesaggio del Capo di Leuca si nota e si osserva l'ulivo, quello sano che ha resistito alla Xilella fastidiosa e quello invece che ha subito la malattia, perdendo la sua bellezza tingendosi in un tronco spoglio e diventando così archeologia vegetale. È un tronco però che non muore perché ha una nuova vita. Sui tronchi infatti crescono funghi, vivono insetti e gli uccelli continuano a costruire i loro nidi. Con le mani si possono sentire le forme, scoprire gli anni, toccare la storia. I tronchi malati aiutano a capire il rapporto fra l'uomo e l'ambiente, ma fra uomo e ambiente non c'è separazione, la e di congiunzione è sbagliata perché ambiente e uomo è unità, come unità è anche uomo e natura.



Da una nuova antropologia culturale può nascere una visione di pace, una pedagogia del rispetto. Se le immagini diventano parole, le parole diventano storia ed è questa la storia che vogliamo: STORIA DI PACE.

Comments


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE