top of page

Stefano Graziani - Fotografie senza testo, Margherita G., ritratto di profilo (2023)

Il progetto è presentato da Neutro in occasione del festival Fotografia Europea, nell’ambito del circuito OFF



«Con una conoscenza abbastanza imprecisa o perlomeno settoriale della storia della fotografia, negli ultimi anni mi sono interessato ai generi, ovvero i cliché che ci permettono di riconoscere o distinguere una fotografia rispetto ad un’altra come una fotografia di paesaggio, di ritratto, di natura morta. Includo tra questi i cosiddetti generi minori della rappresentazione e quelli specificamente fotografici - industriale,

di strada, reportage; tutte categorie che spaventano non poco. Queste mi interessano in quanto specifiche potenziali fotografie e visioni possibili. L’invenzione dei generi non è che il primo tentativo (riuscito) di istituzionalizzare l’arte. Si può dire molto probabilmente, e almeno per me frutto della visione apocalittica di Lewis Baltz, che il momento più prolifico e de-istituzionalizzante per la fotografia negli anni ‘70 sia irrimediabilmente passato. Procediamo a tentoni per aggiungere nuove visioni al mondo che già conosciamo, che abbiamo già visto e che irrimediabilmente stiamo perdendo. Non resta che continuare a guardare (pensare) con una certa attenzione a ciò che potrebbe succedere in un futuro più o meno prossimo. Mi interessa fare a meno dei generi in quanto agenti imbalsamatori e credo che alcune fotografie e

alcune serie di fotografie possano non fare parte o aderire ad alcun cliché in quanto estranee a qualsivoglia categoria o restrizione di senso».

Stefano Graziani

Le immagini di Stefano Graziani non possono essere semplicemente racchiuse in uno o più generi perché sono visioni selezionate da cui emergono racconti che ci accompagnano ogni volta verso profonde riflessioni. Nel lavoro presentato a NEUTRO, Fotografie senza testo, Margherita G., ritratto di profilo (2023), Graziani estrae l’immagine dal suo contesto informativo, trasformando il documento fotografico in un potente strumento di stimolo dell’immaginazione e, grazie a questo, di rigenerazione poetica. Questo lavoro inedito prosegue la ricerca all’incrocio tra fotografia, arte e architettura che Graziani persegue con la sua pratica e che è stata pubblicata ed esposta in numerosi contesti come CCA Montreal, Fondazione Prada di Milano, Maxxi di Roma, Fondazione Fotografia di Modena.

Il progetto ha aperto in aprile, in occasione della diciottesima edizione del festival Fotografia Europea, e sarà visibile fino a fine agosto all’interno della galleria pedonale di via Emilia Santo Stefano. Le sei grandi bacheche che compongono lo spazio diventano un supporto continuo per l’affissione in serie dell’opera che guida il visitatore per tutta la lunghezza del passaggio. Il poster allestito in mostra si ritrova nella pubblicazione, edita in 50 copie, che tiene traccia dell’intervento.

Comentarios


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE