top of page

Talking Matter, 2023-24

Il suono del paesaggio, una traduzione sonora delle memorie umane contenute nelle staccionate, rotaie, muri, barche...


Iginio De Luca Talking Matter 2023/24, Folkestone UK | still da video


Il video Talking Matter è il frutto di una residenza e di un workshop di Iginio De Luca e Luis Do Rosario avvenuti tra ottobre e novembre del 2023 a Folkestone, situata nel Kant e affacciata sullo stretto di Dover a sud dell’Inghilterra, ed è stato proiettato all’interno del “Folkestone's Fishing Heritage and History Museum” nei giorni 16-17-18 febbraio 2024, in occasione del “Profound Sound Festival” di Folkestone.



Il senso poetico del lavoro è di legarsi con l’audio al luogo e alle persone che lo abitano; predisporsi all’ascolto, sintonizzarsi sull’identità e la memoria di un territorio tramite i suoni di elementi apparentemente statici, inanimati. Il contatto epidermico e caldo con le superfici di un paesaggio, è il pretesto tattile per estrapolare questi suoni, un’azione immersiva, che contempla un rapporto intimo con la materia che si fa parlante.



Il soggetto del video è la mano, protagonista autonoma che viaggia ed esplora e, come uno scanner acustico, provoca le superfici generando suoni. La mano stimola le potenzialità musicali del “Sound Mirror”, gigantesco strumento bellico a forma concava, per l’amplificazione analogica di suoni nemici, per poi scendere in città, passando per i vicoli interni, le ringhiere, le staccionate di legno, le lamiere, le mura domestiche, la chiesa antica e i vecchi binari della ferrovia, portandoci in basso al porto, con i suoni delle carene delle barche ormeggiate nel mare in secca.



Tutte le tracce acustiche, infine, confluiscono nei suoni marini, come se la natura inglobasse a se l’intero flusso prodotto, che abbraccia, sommerge e fa riemergere simbolicamente una città che s’identifica ciclicamente nel respiro magnetico e lunare delle maree. La fine del video inquadra romanticamente una figura contemplativa di spalle che gradualmente viene raggiunta dal mare e che silenziosamente ci rivolge un invito: close your eyes.



Un grazie speciale a: Jacob Bray (curatore emergente per Folkestone Fringe),

Diane Dever (direttore artistico per Folkestone Fringe).


Progetto realizzato da Latitudo Art Projects Residenza presso Folkestone Fringe, Folkestone UK (ottobre/novembre 2023)


Main Sponsor: Magic Carpets (Piattaforma Europea cofinanziata dall’Unione Europea).




Comments


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE