top of page

VISIONI OBLIQUE

Libri d'artista, libri oggetto, fototesti per il Belìce


Il Grande Cretto di Alberto Burri, Gibellina (particolare) | Foto © Iole Carollo


“Visioni oblique” è un progetto collettivo e corale che accoglie le letture complementari di un nucleo di artisti invitati a confrontarsi con la Valle del Belìce, una realtà complessa ma vivace sotto diversi profili. Il progetto è curato da Cristina Costanzo ed è patrocinato dalla Fondazione Orestiadi e dal Dipartimento Culture e Società Università degli Studi di Palermo.


Fausto Melotti, Contrappunto, 1984, (particolare) | Foto © Laura Cantale

Gli artisti selezionati, provenienti da discipline differenti, sono accomunati da un’attenzione speciale riservata per ragioni storiche, paesaggistiche e culturali a quest’area geografica della Sicilia, con cui dialogano attraverso la “forma-libro”, espressione fra le più duttili e interessanti nello scenario internazionale. Ne scaturisce un progetto dinamico e in divenire che presenta i primi esiti delle riflessioni di ventitré autori che hanno declinato con originalità e secondo la propria vocazione i temi della natura, della memoria, del dialogo fra antico e contemporaneo, del terremoto e della ricostruzione, della ferita e della rinascita nei linguaggi del libro d'artista, del libro oggetto e del fototesto. Il progetto, che si sviluppa come mostra itinerante, è stato presentato in anteprima da Église (Palermo) sabato 9 ottobre 2021.


Diga Mario Francese | Foto © Iole Carollo


Gli artisti sono: Paolo Assenza; Giuliana Barbano; Davide Bramante; Giovanna Brogna/Sonnino; Laura Cantale e Giuseppe Mendolia Calella; Anna Capolupo; Iole Carollo; Maurizio Galimberti; Simone Geraci; Alberto Gianfreda; Paolo Grassino; Ellie Ivanova; Francesco Lauretta; Filippo La Vaccara; Danilo Maniscalco; Marilina Marchica; Noemi Mirata; Marco Pace; Rossana Rizza; Massimo Siragusa; Carla Sutera Sardo; Samantha Torrisi.


Paolo Schiavocampo, Doppia Spirale, 1987 (particolare.) | Foto © Laura Cantale


La mostra è visitabile dal 27 dicembre al San Sebastiano Contemporary, a Palazzolo Acreide (SR).



Comments


© Edizioni Archos

Sostieni ArtApp! Abbonati alla rivista.

Ti è piaciuto ciò che hai appena letto? Vorresti continuare a leggere i nostri contenuti? ArtApp è una rivista indipendente che sopravvive da più di dieci anni grazie a contributi liberi dei nostri scrittori e alle liberalità della Fondazione Bertarelli. Per supportare il nostro lavoro e permetterci di continuare ad offrirti contenuti sempre migliori Abbonati ad ArtApp. Con un piccolo contributo annuale sosterrai la redazione e riceverai i prossimi numeri della rivista direttamente a casa tua.

SELEZIONATI PER TE